Le Officine del Racconto, 22 luglio (Roma) – Scrivere un romanzo: la tecnica narrativa

La lezione di Roma del 22 luglio presso l’Accademia Internazionale di Musica di Città Giardino è destinata a tutti coloro che vogliono conoscere come gli scrittori costruiscono i loro romanzi, imparare la tecnica di base di costruzione narrativa e utilizzare alcuni metodi per creare efficaci descrizioni, dialoghi, ambientazioni e personaggi.

Dall’analisi dei grandi maestri della scrittura si arriverà, attraverso semplici esempi e ipotesi di lavoro, al procedimento che determina la costruzione romanzesca.

 

La narrazione
Storia e narrazione
Le regole del romanzo
Le regole della narrazione
Romanzo e narrazione
Il modello emotivo
La tensione narrativa

Le descrizioni
I luoghi e il cambiamento
I luoghi e la nostalgia
Le ambientazioni
Il linguaggio del corpo
Sentimenti e astrazioni: come descriverli
I movimenti
I gesti e i dettagli
L’arte narrativa e la realtà
Come funzionano le descrizioni

I dialoghi
Fare scena muta
Parlare forte
Il non detto
Dialoghi: parlarsi addosso
I monologhi
L’arte della conversazione
Essere un dialoghista

Laboratorio
La descrizione della realtà

Titolo: Scrivere un romanzo: la tecnica narrativa
Luogo: Accademia di Città Giardino, via Cimone 150 – Roma (Zona Montesacro/Piazza Sempione).
Durata: 10.00  – 15.00 (con una pausa pranzo di 45 minuti verso le 13)
Costo:  50 euro
Docente: Francesco Izzo

 

Per informazioni e prenotazioni potete contattare la nostra segreteria organizzativa all’indirizzo email: leofficinedelracconto@gmail.com.

Oppure contattare direttamente Francesco Izzo, direttore didattico e docente dei corsi, all’indirizzo email: corsidiscritturacreativa@gmail.com o al numero di telefono 3483235264.

Rainer Maria Rilke: “Per scrivere poesia”

«Bisognerebbe saper attendere e raccogliere, per una vita intera e possibilmente lunga, senso e dolcezza, e poi, proprio alla fine, si potrebbero forse scrivere dieci righe valide. Perché i versi non sono, come crede la gente, sentimenti (che si acquistano precocemente), sono esperienze. Per scrivere un verso bisogna vedere molte città, uomini e cose, bisogna conoscere gli animali, bisogna capire il volo degli uccelli e comprendere il gesto con cui i piccoli fiori si schiudono al mattino. Bisogna saper ripensare a sentieri in regioni sconosciute, a incontri inaspettati e congedi previsti da tempo, a giorni dell’infanzia ancora indecifrati, ai genitori che eravamo costretti a ferire quando ci porgevano una gioia e non la comprendevamo (era una gioia per qualcun altro), a malattie infantili che cominciavano in modo così strano con tante profonde e gravi trasformazioni, a giorni in camere silenziose, raccolte, e a mattine sul mare, al mare sopratutto, ai mari, a notti di viaggio che passavano alte rumoreggianti e volavano assieme alle stelle, e non basta ancora poter pensare a tutto questo. Bisogna avere ricordi di molte notti d’amore, nessuna uguale all’altra, di grida di partorienti e di lievi, bianche puerpere addormentate che si richiudono. Ma anche accanto ai moribondi bisogna esser stati, bisogna essere rimasti vicino ai morti nella stanza con la finestra aperta e i rumori a folate. E ancora avere ricordi non basta. Bisogna saperli dimenticare, quando sono troppi, e avere la grande pazienza d’attendere che ritornino. Perché i ricordi in sé ancora non sono. Solo quando divengono in noi sangue, sguardo e gesto, anonimi e non più distinguibili da noi stessi, solo allora può darsi che in una rarissima ora si levi dal loro centro e sgorghi la prima parola di un verso».

Rainer Maria Rilke, «I quaderni di Malte Laurids Brigge»

Le Officine del Racconto, 25 febbraio (Bologna) – Scrivere un romanzo autobiografico: livello base

La lezione di Bologna del 25 febbraio presso la Casa della Conoscenza illustrerà come sia possibile trasformare le proprie emozioni e il proprio vissuto in romanzo, quale sia il sistema per valutare la forza della propria storia dal punto di vista narrativo e il rapporto tra autobiografia e romanzo.

George KrauseImacon Color Scanner

Storia personale e narrazione
Il punto di vista narrativo in un’autobiografia
Il principio progettuale
Rapporto tra autobiografia e finzione letteraria
Il progetto narrativo: l’idea
Il progetto narrativo: dalla vita al romanzo
L’evoluzione delle idee: buoni e cattivi spunti (come riconoscerli)
L’organizzazione del lavoro: improvvisazione e metodo
L’architettura della storia
Definire l’azione del o dei personaggi
La voce e il punto di vista
Studi sul romanzo: “Il romanzo della nazione” di Maurizio Maggiani.

Scrivere un romanzo autobiografico
Il processo creativo
La fasi del lavoro, dall’idea iniziale alla prima stesura
Strumenti utili: schede di lavoro
Gli elementi esterni
Gli elementi interni
La finalizzazione
Come creare empatia in un romanzo autobiografico

Laboratorio
La premessa drammaturgica: scrivere la nostra storia

Titolo: SCRIVERE UN ROMANZO AUTOBIOGRAFICO: LIVELLO BASE
Luogo: Casalecchio delle Culture , “Spazio Formativo La Virgola” – via Porrettana 360 – 40033 Casalecchio di Reno (Bologna)
Durata: 10.30  – 16.30
Costo:  50 euro
Docente: Francesco Izzo

Per informazioni e prenotazioni potete contattare la nostra segreteria organizzativa all’indirizzo email: leofficinedelracconto@gmail.com.

Oppure contattare direttamente Francesco Izzo, direttore didattico e docente dei corsi, all’indirizzo email: corsidiscritturacreativa@gmail.com o al numero di telefono 3483235264.

Le Officine del Racconto, 11 febbraio (Milano) – Le narrazioni dell’Io: dalla vita al romanzo

Scrivere è salvare il tempo e trattenere la vita prima della dimenticanza e dell’oblio per dare la parola a coloro che non possono più parlare e che non vogliamo dimenticare. Nel corso della lezione di Milano dell’11 febbraio presso l’Umanitaria vedremo come la vita si trasforma in racconto e come realizzare un progetto autobiografico.

551970_3449748651721_1706755669_n

Scrivere un romanzo: il progetto autobiografico
Vita come narrazione (vita contro narrazione)
Sé e narrazione autobiografica: il sé narrativo
La natura del progetto autobiografico
La visione narrativa: l’idea
Lo sviluppo narrativo
Storie collettive e storie individuali
La creazione della tua storia
Il significato implicito e il tema della storia
Lo sviluppo del significato (la costruzione del senso narrativo)
Lo schema narrativo
Una mappa, una vita.

Scrivere un romanzo autobiografico
La casa
Gli oggetti
Le cose del passato
Immaginazione e inconscio

Laboratorio
Verifica del progetto narrativo autobiografico

Titolo: LE NARRAZIONE DELL’IO: DALLA VITA AL ROMANZO
Luogo: Fondazione Società Umanitaria, via Francesco Daverio 7 (ingresso via San Barnaba 48) – Milano.
Orario: 10.45 – 16.45
Costo: 50 euro
Docente: Francesco Izzo

Per informazioni e prenotazioni potete contattare la nostra segreteria organizzativa all’indirizzo email: leofficinedelracconto@gmail.com.

Oppure contattare direttamente Francesco Izzo, direttore didattico e docente dei corsi, all’indirizzo email: corsidiscritturacreativa@gmail.com o al numero di telefono 3483235264.