Le Officine del Racconto – 12 gennaio: scrivere un romanzo (livello base)

Scrivere un romanzo è presentata spesso come un’impresa titanica, il cui processo creativo viene avvolto dalla sacralità e dal mistero. Come si crea un personaggio con un conflitto interessante? Come strutturare la trama e gestire le sottotrame? In che modo inserire i colpi di scena per creare la giusta tensione nel lettore? Il corso risponde a queste ed altre domande, e fornisce una serie di strumenti per mettere in grado l’allievo di costruire il proprio romanzo a partire dall’idea iniziale.

215905_1631320432152_4385682_nL’Officina di Roma del 12 gennaio introdurrà agli elementi base della narrazione e ai meccanismi profondi della costruzione di un romanzo.

Introduzione al romanzo
Definizione di romanzo: dal racconto orale al ‘mondo scritto’
Forme del romanzo
La struttura del romanzo
Che tipo di narratore sei?

Scrivere il personaggio
La caratterizzazione fisica e psicologica
Modi per rivelare il personaggio
La azioni dei personaggi
Il personaggio e il cambiamento
Studi sul personaggio: Dostoevskij, Flaubert, Fante, Pavese.
Determinare l’azione del personaggio: il desiderio e il conflitto
Laboratorio: preparare una scheda per il personaggio
Dal personaggio alla narrazione
Creazione dell’antagonista

Le ambientazioni
Il luogo della storia
L’epoca storica
Il periodo dell’anno
Atmosfera e stato d’animo
Gli elementi esterni
La geografia fisica

Il punto di vista
Il punto di vista in prima persona
Il punto di vista in terza persona (interno)
Il punto di vista in terza persona (esterno)
Il punto di vista onnisciente
Il punto di vista in seconda persona

Bibliografia parziale del corso
Georges Simenon, “Lettera al mio giudice”
Marguerite Yourcenar, “Memorie di Adriano”
Jane Austen, “Emma”
Stendhal, “Il rosso e il nero”
Victor Hugo, “I miserabili”
Lev Tolstoj, “Guerra e pace”
Fëdor Dostoevskij, “I fratelli Karamazov”
John Fante, “Chiedi alla polvere”
Cesare Pavese, “La luna e falò”
William Faulkner, “Mentre morivo”
Gustave Flaubert, “Madame Bovary”
Charles Dickens, “Grandi speranze”
Elsa Morante, “La storia”
Gabriel Garcia Marquez, “Cent’anni di solitudine”

Per informazioni e approfondimenti sulle modalità di partecipazione al laboratorio di scrittura creativa di Roma potete mandare una email a corsidiscritturacreativa@gmail.com oppure telefonare al numero 348 3235264

Annunci

Marguerite Yourcenar: scrivere l’amore

Nell’Officina dedicata al romanzo e alla narrazioni sull’amore sono stati analizzati alcuni testi che hanno indagato ed approfondito la natura e le dinamiche di tale sentimento. Tra questi le riflessioni della scrittrice Marguerite Yourcenar per bocca del suo personaggio nelle “Memorie di Adriano” di cui vi presentiamo un estratto.

«Confesso che la ragione si smarrisce di fronte al prodigio dell’amore, strana ossessione che fa sì che questa stessa carne, della quale ci curiamo tanto poco quando costituisce il nostro corpo, preoccupandoci unicamente di lavarla, di nutrirla, e – fin dov’è possibile – d’impedirle che soffra, possa ispirarci una così travolgente sete di carezza sol perché è animata da una individualità diversa dalla nostra, e perché è dotata più o meno di certi attributi di bellezza sui quali, del resto, anche i giudici migliori sono discordi. Di fronte all’amore, la logica umana è impotente, come in presenza delle rivelazioni dei Misteri: non s’è ingannata la tradizione popolare, che ha sempre ravvisato nell’amore una forma di iniziazione, uno dei punti ove il segreto e il sacro si incontrano […] L’amore non altrimenti della danza delle Menadi e del delirante furore dei Coribanti, ci trascina in un universo diverso, insolito, ove in altri momenti è vietato avventurarci, e dove cessiamo di orientarci non appena l’ardore si spegne e il piacere si placa.

tumblr_lv2up0k4cJ1qj3k5vo1_500

Inchiodato al corpo amato come un crocefisso alla sua croce, ho appreso sulla vita alcuni segreti che ormai si dileguano nei ricordi, per opera di quella stessa legge che impone al convalescente guarito di dimenticare le verità misteriose del suo male; al prigioniero, una volta libero, di obliare la tortura, e al trionfatore la gloria, quando l’ebbrezza del trionfo è svanita.

A volte, ho sognato di elaborare un sistema di conoscenza umana basata sull’erotica: una teoria del contatto, nella quale il mistero e la dignità altrui consisterebbero appunto nell’offrire al nostro Io questo punto di riferimento d’un mondo diverso. In questa filosofia, la voluttà rappresenterebbe una forma più completa, ma anche più caratterizzata dei contatti con l’Altro, una tecnica in più messa al servizio della conoscenza del non Io. Anche nei rapporti più alieni dai sensi, l’emozione sorge o si attua proprio nel contatto: la mano ripugnante di quella vecchia che mi sottopone una supplica, la fronte madida di mio padre nei suoi ultimi istanti, la piaga detersa di un ferito, persino i rapporti più intellettuali e più anodini si istituiscono attraverso questo sistema di segnali del corpo.

[…] Con la maggior parte degli esseri umani, i più lievi, i più superficiali di questi contatti, bastano o persino superano l’attesa; ma se essi si ripetono, si moltiplicano attorno a un unico essere sino ad avvolgerlo interamente; se ogni particella del colpo umano si impregna per noi di tanti significati conturbanti quante sono le fattezze del suo volto; se un essere solo, anziché ispirarci tutt’al più irritazione, piacere o noia, ci insegue come una musica e ci tormenta come un problema, se trascorre dagli estremi confini al centro del nostro universo, e infine ci diviene più indispensabile che noi stessi, ecco verificarsi il prodigio sorprendente, nel quale ravviso ben più uno sconfinamento dello spirito nella carne che un mero divertimento di quest’ultima».

Marguerite Yourcenar, “Memorie di Adriano” ( traduzione di Lidia Storoni Mazzolani)