Laboratorio di scrittura creativa “Orientarsi con le stelle”: il programma

Il 3 marzo 2012 si terrà a Roma (prima di una serie di date) la prima Officina dedicata al tema del desiderio in letteratura. Di seguito, il programma della giornata con la bibliografia di approfondimento.

Scrivere storie
Una definizione di narrativa: narrativa letteraria e narrativa di genere
L’arte del racconto
Introduzione al romanzo
Trovare “i semi” di una storia: come si costruisce una storia

Dall’idea iniziale al progetto (esempi):
Irène Némirovsky: “Suite francese”;
Fedor Dostoevskij: “L’idiota”
Cesare Pavese: “La luna e falò”
Virginia Woolf: “La signora Dalloway”
Georges Simenon: “Tre camere a Manhattan”

Il personaggio: l’io allo specchio
La costruzione del personaggio: la complessità umana
Come nascono i personaggi: la genesi del personaggio nella narrativa di Virginia Woolf, Francis Scott Fitzgerald e Anton Cechov
Come caratterizzare un personaggio

Tramare
L’architettura della storia
Dall’idea alla composizione
Trame e sottotrame
Il Mestiere di Scrivere: “Le Officine del Racconto”

Costruire un testo (esempi):
Fedor Dostoevskij: “I fratelli Karamazov”
Paul Auster: “Il libro delle illusioni”
Philip Roth: “Pastorale americana”

Le scritture del desiderio e il desiderio di scrittura
Il personaggio e il battito del desiderio
Il desiderio e gli ostacoli
Il conflitto
Il desiderio: il motore delle storie

Analisi del desiderio nei romanzi:
“Anna Karenina” di Lev Tolstoj
“Lolita” di Vladimir Nabokov
“Moby Dick” di Hermann Melville
“Le illusioni perdute” di Honoré de Balzac
“Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Laboratorio didattico: il desiderio
Dall’esperienza al racconto: creazione collettiva
Esercitazioni

Per informazioni e approfondimenti sulle modalità di partecipazione al laboratorio di scrittura creativa di Roma potete mandare una email a corsidiscritturacreativa@gmail.com oppure telefonare al numero 348 3235264.

Diari di scrittura: Georges Simenon

«Io sono un artigiano, ho bisogno di lavorare con le mani. Vorrei poter scolpire il mio romanzo da un pezzo di legno. I miei personaggi vorrei che fossero più pesanti, più tridimensionali. E vorrei creare un uomo in cui chiunque ci possa trovare i propri problemi».

Scrittura e mercato editoriale

Solo una volta un consiglio generico da parte di uno scrittore mi è stato molto utile. Si tratta di Colette. Scrivevo racconti per “Le Matin”, e Colette era caporedattrice della sezione letteraria dell’epoca. Le sottoposi due racconti e li rifiutò entrambi e io continuai a provare, ancora e ancora. Alla fine mi disse, Senti, sono troppo letterari, sono sempre troppo letterari. Seguii il suo consiglio. È quello che faccio quando scrivo, la cosa principale quando riscrivo […] Hai ottenuto una frase meravigliosa – tagliala. Ogni volta che trovo una cosa del genere in uno dei miei romanzi la devo eliminare.

Scrivere è considerata una professione, ma io non la ritengo tale. Io penso che chi non sente di dover essere uno scrittore, chi pensa di poter fare qualcos’altro, allora dovrebbe fare qualcos’altro.  Scrivere non è una professione ma una vocazione all’infelicità […] Leggere un certo tipo di romanzi è un po’ come spiare dal buco della serratura per vedere cosa fa e pensa il vicino di casa – ha anche lui lo stesso complesso di inferiorità, gli stessi vizi, le stesse tentazioni? È questo quello che il lettore cerca nell’opera d’arte. Credo che oggi siano aumentate le persone insicure in cerca di sé.

Io definisco “commerciale” ogni opera, non solo nel campo della letteratura ma anche della musica, della pittura e della scultura – qualunque tipo di arte – che venga prodotta per un determinato pubblico o per una certa pubblicazione o per una particolare raccolta. La differenza maggiore sta nelle concessioni. Scrivendo per un qualsiasi scopo commerciale devi necessariamente scendere a patti.

Tecnica di scrittura

[…] A un certo punto prendo la mia busta, prendo il mio elenco telefonico per i nomi, e la piantina della città – per vedere esattamente dove accadono i fatti. E due giorni dopo comincio a scrivere. E l’inizio sarà sempre lo stesso; è quasi un problema geometrico: ho un determinato uomo, una determinata donna, in un certo ambiente. Cosa può succedere che obblighi entrambi a raggiungere il limite? È questa la domanda. A volte sarà un evento di poco conto, qualunque cosa possa cambiare la loro esistenza. Poi scrivo il romanzo, un capitolo dopo l’altro. Non so niente degli eventi quando comincio il romanzo. Sulla busta scrivo solo i nomi dei personaggi, la loro età, e le loro famiglie.  Non so assolutamente nulla dei futuri avvenimenti. Altrimenti non lo troverei interessante. Alla vigilia del primo capitolo so cosa succederà nel primo capitolo. Poi, giorno dopo giorno, capitolo dopo capitolo, scopro cosa avviene dopo. Una volta iniziato un romanzo scrivo un capitolo al giorno, senza mai saltare un giorno. Vista la fatica, devo tenermi al passo con il romanzo.

I personaggi

I miei personaggi hanno un lavoro, hanno delle caratteristiche; si conosce la loro età, la loro situazione familiare, e il resto. Ma cerco di dare un peso a ciascuno di loro, come fosse una statua, e di renderlo fratello di ogni persona al mondo. E ciò che mi fa felice sono le lettere che ricevo. Non parlano mai della bellezza del mio stile; sono le lettere che un uomo scriverebbe al suo medico o allo psicanalista. Dicono, lei mi capisce. Così tante volte mi sono ritrovato nei suoi romanzi. E poi mi mandano pagine di confidenze; non sono persone folli. Ci sono anche quelle, certo; ma molte sono persone che … anche persone importanti. Mi stupisco.

I rapporti con la critica

Ho una volontà di ferro per quel che riguarda la mia scrittura, e continuerò per la mia strada. Per vent’anni i critici hanno sempre detto la stessa cosa: È ora che Simenon produca un grande romanzo, un romanzo con venti o trenta personaggi. Non capiscono. Non scriverò mai un grande romanzo. Il mio romanzo più grande è il mosaico dei miei più brevi.

Estratti da un intervista a “Paris Review”, Numero 9, 1955.

 

Wislawa Szymborska: La gioia di scrivere

«Premiata con il Nobel nel 1996 e con numerosi altri riconoscimenti, Wislawa  Szymborska è generalmente considerata la più importante poetessa polacca degli ultimi anni. In Polonia, i suoi volumi raggiungono cifre di vendita che rivaleggiano con quelle dei più notevoli autori di prosa, nonostante in un’occasione Szymborska abbia ironicamente osservato, nella poesia intitolata “Ad alcuni piace la poesia” (Niektorzy lubią poezje), che la poesia piace a non più di due persone su mille».

Dove corre questa cerva scritta in un bosco scritto?
Ad abbeverarsi a un’acqua scritta
che riflette il suo musetto come carta carbone?
Perché alza la testa, sente forse qualcosa?
Poggiata su esili zampe prese in prestito dalla verità,
da sotto le mie dita rizza le orecchie.
Silenzio – anche questa parola fruscia sulla carta e scosta
i rami generati dalla parola “bosco”.
Sopra il foglio bianco si preparano al balzo
lettere che possono mettersi male,
un assedio di frasi
che non lasceranno scampo.
In una goccia d’ inchiostro c’è una buona scorta
di cacciatori con l’ occhio al mirino,
pronti a correr giù per la ripida penna,
a circondare la cerva, a puntare.
Dimenticano che la vita non è qui
Altre leggi, nero su bianco, vigono qui.
Un batter d’ occhio durerà quanto dico io,
si lascerà dividere in piccole eternità
piene di pallottole fermate in volo.
Non una cosa avverrà qui se non voglio.
Senza il mio assenso non cadrà foglia,
nè si piegherà stelo sotto il punto del piccolo zoccolo.
C’è dunque un mondo
Di cui reggo le sorti indipendenti?
Un tempo Che lego con catene di segni?
Un esistere a mio comando incessante?
La gioia di scrivere.
Il potere di perpetuare.
La vendetta d’ una mano mortale.